Tumore al colon, quando l’alimentazione è la prima prevenzione

Sono decine e decine, annualmente, i casi di tumore al colon che vengono provocati da un’alimentazione che non viene controllata a dovere. Una dieta equilibrata e salutare, quindi, non è importante solo ed esclusivamente per un fatto di mera forma fisica, dal momento che diventa, quando non viene curata in maniera scrupolosa, un potenziale fattore di rischio per alcune pericolose patologie.

Al giorno d’oggi, poi, con il boom delle app per device mobili, non si hanno più scuse: curare la propria alimentazione è diventato più semplice rispetto a qualche tempo. Il grande uso dei dispositivi mobili ha rivoluzionato anche altri ambiti, come il gioco d’azzardo ad esempio. Gioca alla scopa nei casino online: ci sono così tante piattaforme online che offrono la possibilità di divertirsi anche direttamente dal proprio smartphone o tablet, ovviamente dopo il download dell’app dedicata.

Tumore al colon, quanto incide una corretta alimentazione

Che l’alimentazione svolga un ruolo primario in un gran numero di patologie non si può di certo considerare una novità. Un’indagine che è stata svolta da un gruppo di ricercatori della Tufts University, poi pubblicata sulla rivista scientifica “JNCI Cancer Spectrum”, ha messo in evidenza come siano davvero numerosi i tumori che si potrebbero evitare semplicemente dando uno sguardo più attento ai cibi che si consumano a tavola.

Un’alimentazione bilanciata, solamente sul suolo americano, potrebbe evitare la bellezza di oltre 52 mila casi di cancro al colon, che sono proprio insorti per via di una dieta sbagliata. Al medesimo risultato è giunta anche la Società Italiana di Gastroenterologia ed endoscopia (detta Sige), il tumore che colpisce il colon retto è il terzo maggiormente diffuso sul territorio non solo italiano, ma anche europeo.

Questa tipologia di cancro ha un rapporto estremamente profondo con l’alimentazione: infatti, nel 38,3% dei casi deriva proprio da una dieta sbagliata. Proviamo a pensare ai casi di tumore complessivi: ebbene, il legame con l’alimentazione è effettivo solamente nel 5% dei casi. Un’alimentazione errata incide spesso e volentieri nelle persone che hanno superato i 50 anni.

Gli studi più recenti

Recenti studi, però, dovrebbero far suonare il campanello d’allarme anche nelle fasce più giovani della popolazione. Ci sono cibi che più degli altri, però, possono favorire l’insorgere del cancro al colon retto. In modo particolare, stando allo studio che è stato portato avanti dai ricercatori della Tufts University, le lacune principali sarebbero quelle di cereali integrali e di latticini, oltre che un consumo eccessivo di carni processate.

Per il momento, invece, non ci sono degli indizi certi e concordanti per quanto riguarda tutti quei cibi che favoriscono l’aumento o la riduzione del rischio di sviluppare un tumore al colon. Diversi studi, però, si sono allineati sostenendo che selenio, vitamina E, fibre, omega-3 e polifenoli siano sostanze in grado di svolgere un effetto positivo da questo punto di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *